Miniartextil: uno sguardo ravvicinato ai minitessili / 5

miniartextil-uno-sguardo-ravvicinato-ai-minitessili-5
1 1259

Miniartextil, rassegna di fiber art internazionale, presenta come ogni anno 54 opere di piccolo formato, i minitessili, testimoni della internazionalità della manifestazione. Quest’anno, infatti, per la 26ª edizione dedicata a Tessere sogni, sono ben 22 le nazione rappresentate nelle opere selezionate dalla giuria artistica, tra 315 adesioni al bando di concorso. Dagli Stati Uniti, Messico, Argentina, passando per il Giappone e giungendo in Europa con Slovacchia, Polonia, Olanda, Francia, Spagna, Finlandia, Ungheria, Germania, Svizzera e Italia.

La giuria artistica quest’anno era composta dal professor Luciano Caramel, curatore della mostra, dalla dottoressa Marie Deparis, curatrice, e Mimmo Totaro, artista e vicepresidente dell’Associazione Arte&Arte.

Gli artisti invitati ad esprimersi sul tema Tessere sogni, hanno raccontato nelle opere di piccole dimensioni i loro sogni e desideri. Come spesso accade l’arte è riflesso della contemporaneità, ed è proprio per questo che nei minitessili ritorna il tema della pace e della solidarietà, ma al contempo quello del viaggio e del transito di popoli. In altre opere si ritrova invece l’essere fragile di un sogno, il tempo breve che esso occupa, la fragilità della dimensione onirica. I materiali utilizzati sono diversi, al tradizionale filo di cotone, lino e lana, si affiancano carta, vetro, plastica, legno e metallo.

Proseguiamo l’indagine ravvicinata.

atsushi-sato-to-the-next-generation

To the next generation di Atsushi Sato. Nato nel 1985, giapponese, vive e lavora a Kyoto.

birute-kaupaite-dominaite-do-not-steal-my-dreams

Do not steal my dreams. Minitessile vincitore del Premio Antonio Ratti. Di Birute Kaupaite Dominaite. Nata nel 1975, vive e lavora a Kaunas.

barbara-martini-con-la-testa-tra-le-nuvole

Con la testa tra le nuvole. di Barbara Martini. Italiana, classe 1977, vive e lavora a Crotone.

1 commento

17 novembre 2016 alle 14:06

evviva la creatività,che a Como è sempre stata un’eccellenza!

Lascia un commento