Miniartextil 2017: siamo tutti borderline

0 1076

Se partissimo dall’acconcio brano On the border degli Eagles, che idea vi verrebbe? Come già anticipato, Miniartextil tonerà nel 2017 a partire da sabato 7 ottobre nella storica sede dello Spazio Antonio Ratti (ex Chiesa di San Francesco), a Como.

A ogni nuova edizione, il compito forse più arduo è la scelta del tema a cui dedicare l’esposizione di fiber art contemporanea, scelta che quest’anno è ricaduta sul termine Borderline. Una parola sola, senza trattino a dividere border e line, non soltanto riferita all’accezione medico – psichiatrica così tanto nota – e in voga – fra i più. Per chi decidesse di lanciarsi alla ricerca del vero significato del termine, la rete diventa subito un libro aperto che spazia dall’idea del confine fisico sino a quello di estrazione più marcatamente mentale (la parentesi, qui sarebbe troppo ampia).

L’invito che noi di Arte&Arte rivolgiamo a tutti gli artisti che vorranno partecipare al bando di concorso, è proprio quello di riflettere sul o sui numerosi e possibili confini che oggi esistono.

Mimmo Totaro, vice Presidente Arte&Arte e fondatore di Miniartextil asserisce sempre che ogni artista, oltre a essere per sua stessa natura un sognatore, trascorrere la propria vita sul confine, o meglio, borderline. Quante volte ci capita di leggere il termine borderline, magari su certa stampa, in riferimento alla patologia psicologica che affligge sempre più numerose persone, note o meno note. Troppo spesso però tralasciamo il vero significato del termine, perdendo per strada quel border che ogni giorno continua a scrivere la nostra storia. Noi viviamo a Como, che oltre essere città di confine, è anche sempre più al centro di continui flussi migratori e a questo proposito mi piace ricordare il prologo di una bella Settimana InCom di Alessio Brunialti, dello scorso mese di luglio, che consiglio di rileggere qui. Quanti confini materiali, immateriali, umani, sociali, politici, religiosi, ideali, utili, meno utili. Confine, limite, altro, diverso. Muri, da quello comasco a quello di Trump. Ce ne è per tutti.

Ma che cosa è il confine, cosa significa borderline? La parola agli artisti di Miniartextil Como 2017.

Lascia un commento