Luca Bianchini presenta Nessuno come noi alla Ubik

luca-bianchini-presenta-nessuno-come-noi-alla-ubik
0 436

Lo aveva promesso agli studenti che aveva incontrato all’istituto Casnati a primavera e anche alla Ubik con cui aveva dovuto annullare l’impegno, rientrando, così, nei festeggiamenti per il decennale della libreria di piazza San Fedele 32 che lo ospiterà martedì 19 settembre alle 18. Luca Bianchini torna a Como per raccontare Nessuno come noi, ultimo romanzo dello scrittore torinese. Un romanzo che guarda proprio ai ragazzi, a quelli di oggi, che lo leggeranno, e a quelli degli anni Ottanta, che si ritrovano nelle pagine. La vicenda si svolge trenta anni fa esatti, nel 1987, tra i banchi di un lice statale dove si ritrovano, gomito a gomito, i giovani proletari (ma all’epoca già quel termine non si utilizzava più) e i rampolli della Torino – bene. I protagonisti sono Vincenzo, “paninaro”, innamorato della compagna di banco Caterina che non lo ricambia, anzi: lo relega alla “friendzone” (che a quei tempi nessuno chiamava così) rendendolo partecipe di tutti i suoi tormenti amorosi verso tutti, quasi tutti, tutti eccetto lui. La questione potrebbe risolversi grazie a Spagna che è la dark dell’istituto (oggi pochi lo direbbero, ma l’Ivana nazionale, ai tempi, quando aveva i capelli sparati si poteva assimilare, per look, ai gotici britannici), ma ai Tre cuori in affitto si aggiunge Romeo, proprio esponente della ricca borghesia, destabilizzando tutto e finendo destabilizzato a sua volta. Non è nuovo ai triangoli amorosi, Bianchini, che ha esordito con Instant love descrivendo proprio un menage à trois tra una donna e due uomini dove sono questi ultimi a essere legati da un affetto omosessuale. Popolarissimo per avere firmato Eros lo giuro, biografia ufficiale di Ramazzotti, e per un programma cult come Colazione da Tiffany per RadioRaiDue, Bianchini ha anche visto due suoi romanzi, Io che amo solo te e La cena di Natale, adattati per il cinema da Marco Ponti, con protagonisti del calibro di Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti e Michele Placido.

Lo scrittore era stato costretto a posporre l’incontro alla Ubik, originariamente previsto per il 19 maggio scorso in cui, invece, è comunque riuscito a incontare, e conquistare, gli studenti dei quarti anni del Centro Studi Casnati, coetanei dei protagonisti di questo libro. Oggi pomeriggio dialogherà con il giornalista Alessio Brunialti.

 

Lascia un commento