La misteriosa morte di Neruda: recital con il nipote

0 1514

Il filo rosso dei diritti umani, ma anche quello della poesia e della musica, lega due Paesi lontani come l’Italia e il Cile, e i due incontri che verranno proposti venerdì 21 aprile nell’auditorium della biblioteca di Como. Entrambi si muoveranno tra giustizia e poesia: il primo, dalle 15 alle 18, con un taglio più giuridico (Poesia, democrazia e giustizia: il caso di Pablo Neruda, un’altra vittima e di chi? è il titolo), il secondo, dalle 20.15 più lirico (Gli ideali di giustizia, uguaglianza, amore e libertà nei testi e nella vita di Pablo Neruda). Organizza Aged, Associazione giustizia e democrazia, e introduce il suo presidente, l’avvocato Marcello Iantorno.

Rodolfo Reyes, nipote di Pablo Neruda

Dal Cile arriveranno appositamente per l’occasione l’erede più diretto di Neruda, il nipote avvocato Rodolfo Reyes, e la sua collega di studio Elisabeth Flores Pérez, con la quale Reyes ha fatto riaprire le indagini sulla morte dell’illustre zio avvenuta 11 giorni dopo il golpe di Pinochet, il 22 settembre del 1973. Per la prima volta, lo scorso anno il Governo cileno ha ammesso in una nota che potrebbe non essersi trattato di cause naturali e proprio a Como Reyes svelerà le ultime novità sul giallo che ancora avvolge la scomparsa di uno dei più grandi poeti di tutti i tempi, al quale, non a caso, sono stati dedicati film come Il postino e il recente Neruda.

Da Bologna porterà la sua testimonianza Andrea Speranzoni, avvocato di parte civile nel Processo Condor che, lo scorso gennaio a Roma, ha registrato otto condanne all’ergastolo per i torturatori dei regimi sudamericani degli anni Settanta e per la prima volta ha visto il riconoscimento in una sede istituzionale dell’esistenza del piano che ha dato il nome al processo, orchestrato dalledittature di Cile, Venezuela, Argentina e Uruguay con l’appoggio degli Stati Uniti.

L’avvocato Andrea Speranzoni

Lo sguardo si amplierà fino a toccare la nostra frontiera, grazie a Pietro Berra, giornalista de La Provincia, che ha coinvolto nell’iniziativa i relatori esterni assieme alla comasca di origini ispanocilene Jalisco Pineda. Berra ricorderà il pastore svizzero Guido Rivoir, autore del libro Le memorie di un valdese, che nel 1974 fece passare illegalmente 393 profughi cileni attraverso il confine italosvizzero, fu per questo processato e infine assolto perché il giudice riconobbe che «l’intento di prestare concreto soccorso ai profughi perseguitati e alle loro famiglie appare manifestamente onorevole anche alla luce dello spirito della legislazione e delle tradizioni svizzere in questa materia». Il suo precedente è stato di recente citato in aula dall’avvocato che difende Lisa Bosia Mirra, la deputata socialista del Gran Consiglio del Canton Ticino, sulla quale pende un decreto di accusa per aver favorito l’ingresso illegale in Svizzera di 4 profughi mionorenni tra le centinaia ferme a Como da mesi.

Pietro Berra alla presentazione di Ode al vento nella casa museo di Neruda a Santiago del Cile

Marco Belcastro

Questi i temi dell’incontro pomeridiano. La sera, invece, saranno protagonisti poesia, musica e aneddoti. Reyes leggerà alcuni testi e racconterà frammenti di vita dello zio Pablo, di cui portò la bara al primo funerale del 1973 e che lo scorso aprile ha riseppellito davanti all’oceano nel giardino della casa museo di Isla Negra, dopo l’esumazione legata alle indagini in corso. In tutto, Neruda ha subito ben quattro esequie, perché il grande cantore dell’amore, della dignità e della libertà sembra non trovare pace. All’intervento di Reyes, seguirà un recital di Pietro Berra e Marco Belcastro: il primo leggerà Ode al pane di Neruda e alcune poesie dalla propria raccolta Ode al vento. Una historia de Antipodas (I quaderni del bardo, 2016), che connettono luoghi e memorie cilene e nerudiane con il lago di Como; il secondo si legherà ai temi proposti con canzoni proprie e di autori cileni, proponendo anche la versione del Poema 15 di Neruda musicata da Victor Jara, cantatuore e regista tra le vittime più note della dittatura militare pinochetista.

Lascia un commento