Instagram Empty Theatre al Sociale di Como

particolare lampadario+volta
0 631

Avete mai avuto voglia di entrare in un teatro tutto per voi? E quanti vorrebbero fotografare un teatro aperto apposta per loro, senza nessun altro in giro a curiosare?! Tutto questo ora è possibile: dopo New York, Mosca, Londra, Roma e Torino, arriva anche al Teatro Sociale di Como l’evento creato dalla community di Instagram per poter unire il mondo della fotografia con quello dell’arte e del teatro.

Il Teatro Sociale di Como e #Igerscomo vi invitano sabato 18 giugno a una visita esclusiva, a porte chiuse, del Teatro Sociale. Le visite saranno suddivise in due turni, il primo alle 10.30 e l’ultimo alle 11.30, la visita è gratuita ma per partecipare bisogna registrarsi obbligatoriamente al seguente link: http://bit.ly/1VYJE8Y (i posti sono a esaurimento per ovvie ragioni logistiche e di sicurezza). L’appuntamento è in via Bellini 3.

L’evento organizzato in collaborazione con la community Instagram di IgersComo è dedicato a tutti gli instagramer e gli appassionati di fotografia; avrete infatti l’occasione di esplorare e raccontare con i vostri occhi un luogo molto importante nella storia e nella cultura della città. Potrete seguire la nostra avventura cercando l’hashtag  #emptyteatrosocialeco su Instagram.

foto Instagram Teatro

Ma cos’è un #Empty?

Empty è ormai diventato un movimento. Il movimento di chi ha dato un nome a qualcosa che esisteva già: la visita esclusiva di ambienti normalmente non aperti al pubblico, nei quali viene data la possibilità, in via straordinaria, di fare foto senza nessuno, o i cui protagonisti siano i pochi partecipanti all’iniziativa. Foto che poi vengono condivise su Instagram con un hashtag dedicato, che include la parola Empty, seguita dal nome della location che ospita l’evento.

Il team di #IgersItalia ci ricorda che il primo Empty a fare notizia, vale a dire notato e diffuso da Instagram, ebbe luogo al Metropolitan Museum of Art di New York, e fu pensato da Taylor Newby, Senior Social Media Manager del Met, in collaborazione con il fotografo Dave Krugman, che nel marzo 2013 portò alcuni fortunati instagramer a visitare il museo in orario di chiusura. L’idea piacque e fu un successo in termini di foto (#emptyMET), like e visibilità per il museo e per l’organizzatore dell’evento. Fu dunque replicata e si diffuse velocemente negli Stati Uniti, toccando subito il MOMA di New York e raggiungendo in breve tempo l’Europa, dove, a Londra, nel settembre 2014, Dolly Brown organizzò una visita esclusiva alla Royal Opera House, le cui foto sono state diffuse con il tag #emptyROH, seguita a ruota dall’#emptyTate, gestito, sempre a Londra, presso la Tate Modern, da Zoe Timmers, cui prese parte anche Hannah Waldram, di Instagram UK.

In ottobre 2014 furono poi la volta dello Statens Museum for Kunst di Copenhagen con #emptysmk, del Guggenheim di New York, del Louvre di Parigi e del Teatro Bolshoi di Mosca, dove l’evento fu portato a un livello superiore: #EmptyBolshoi non era più una semplice visita esclusiva a porte chiuse, ma prevedeva un dress code da seguire e qualche coreografia da impostare per integrarsi il più possibile armonicamente con l’ambiente ospitante.

Ma prima che me lo chiediate, ebbene sì, naturalmente l’Empty si è poi diffuso anche in Italia, potevamo forse essere da meno noi di Como?!

In Italia lo scorso febbraio la Reggia di Venaria Reale è stata protagonista del primo evento italiano a marchio #empty, organizzato da @igerspiemonte e @igerstorino, le cui foto sono state raccolte sotto l’hashtag #emptyReggia. L’evento piemontese era stato preceduto soltanto da un test organizzato nel dicembre 2014 presso la Galleria nazionale di arte moderna (Gnam) di Roma ad opera di Erica Firpo che, contestualmente, ha dato il via al progetto #emptymuseo, con l’obiettivo di realizzare instameet all’interno di musei italiani vuoti una volta al mese, con il supporto del MiBAct, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Il primo #emptymuseo ufficiale si è tenuto quest’anno in marzo, proprio alla Gnam; l’ultimo, in ordine di tempo, a fine ottobre ai Musei Vaticani (#emptyVatican).

E ora, spazio alla curiosità e alla creatività con l’Empty theatre al Teatro Sociale di Como.

Ci auguriamo che possiate essere tra i fortunati che riusciranno a iscriversi e a prtecipare a questo primo evento realizzato in collaborazione tra il Teatro e #IgersComo e… perché no, se vi piacerà e vi diverterete potremmo sicuramente replicarlo durante la prossima stagione!

Vi aspettiamo sabato 18 giugno (previa iscrizione) per questa viista inconsueta in teatro. Non vediamo l’ora di vedere giovani fotografi professionisti ed amatoriali catturare insieme a noi le atmosfere e gli echi di un luogo così importante.

 A volte mi chiedono: «Qual è la foto che preferisci tra quelle che hai realizzato?». Non saprei, non mi interessa. Mi interessa di più la prossima fotografia, o il luogo che visiterò (Henri Cartier-Bresson)

Lascia un commento