Come ci va la vita? Un questionario di AttivaMente

come-ci-va-la-vita-un-questionario-di-attivamente
0 823

Siamo soddisfatti della nostra vita? Come ci sentiamo al lavoro, in famiglia, con gli amici? Non si tratta di domande peregrine e vagamente filosofeggianti, ma di un questionario vero e proprio che viene lanciato a tutti i comaschi che vogliano aderirvi. Promotrice dell’idea, che fa capo ad un progetto culturale più complesso, è la Cooperativa AttivaMente, gruppo teatrale comasco da sempre attento alle implicazioni sociali dell’arte del palcoscenico. Dopo aver lavorato, con ottimi riscontri, al progetto Questo mostro amore, dedicato al tema della violenza nella coppia, AttivaMente lancia Be, nuova ricerca, che sfocerà poi in un lavoro per le scene, dedicata a una domanda cruciale: «Sono soddisfatto della mia vita?».

Come ti senti?

Per trovare risposta, il primo passo del progetto è, come si diceva, un questionario online a cura di AttivaMente e Sociallibreria per Università dell’Insubria. La proposta di compilare il questionario è rivolta a tutti, per ottenere un monitoraggio il più possibile ampio dello stato d’animo delle persone nel nostro territorio. Il questionario Come ti senti? è disponibile online all’indirizzo: http://bequest.altervista.org/ e, cosa importante da precisare, può essere compilato gratuitamente e in totale anonimato. I promotori vogliono “tastare il polso” del comasco, per capire qual è l’umore dei cittadini in questa fase molto delicata del nostro tempo. Come suggerisce il test, non si vuole capire chi siano le persone partecipanti ma come si sentano ora. La serie di interrogativi sarà proposta a varie categorie di individui ma tutti possono partecipare liberamente, anche solo per curiosità e voglia di mettersi in gioco. C’è tempo fino a domenica. Conclusa la prima fase della raccolta dei dati, si passerà allo step successivo, che si intitola Spunti di vista e che prevede incontri pubblici con ospiti molto particolari. Infine, si arriverà allo spettacolo, che si rifarà nientemeno che a Shakespeare e a uno dei suoi lavori più potenti: Macbeth.

Lascia un commento