Calciatori dopo il calcio

0 324

Cosa succede quando il calcio finisce? Quando i riflettori si spengono? Un affresco a nove voci dentro e oltre gli anni d’oro, Ottanta e Novanta, del pallone nostrano. Lo ha dipinto il giornalista del Corriere della Sera Matteo Cruccu nel suo libro Ex – Storie di uomini dopo il calcio.

È il momento più difficile nella vita di quei giocatori (ma non solo, anche allenatori) che non hanno ancora deciso cosa sarà il dopo. Ovvero lasciare il centro del palcoscenico dell’eccezionalità sportiva, diventando uno dei tanti. E allora alcuni decidono di non decidere, e continuano a giocare all’infinito, come Marco Ballotta, portiere di ghiaccio, ancora in campo, a 50 anni insieme a compagni di squadra che potrebbero essere i suoi figli. Altri mollano tutto, prendono una tavola da surf e uno zaino e si confondono tra giovani fricchettoni della loro età come Gianni Comandini, eroe solo per un derby. Altri ancora si ritirano in montagna, dopo un enorme dolore privato che ha pareggiato, nei conti, la vita, come l’ex falegname juventino Moreno Torricelli. Altri infine riscattano nella normalità di un lavoro al bar una carriera geniale e maudit, come Francesco Flachi. Sono le storie di “Ex”, storie dal finale aperto dove si scopre che vivere non è così facile come giocare. Ma è anche un affresco a dieci voci dentro e oltre gli anni d’oro, Ottanta e Novanta, del pallone nostrano, quelli dei trionfi nelle coppe europee, dell’epopee del Milan e della Juve, ma anche del Parma e della Lazio che fanno da sfondo alle avventure dei nostri protagonisti. Quelli in cui, insomma, il campionato italiano era “il più bello del mondo”.

L’’autore dialoga con il giornalista del Corriere della Sera Andrea Laffranchi sabato 2 aprile alle 19 a La Feltrinelli di via Cesare Cantù 17

Lascia un commento