Allineamenti, sempre più in alto

allineamenti-sempre-piu-in-alto
0 851

Allineamenti ha deciso di cambiare prospettiva sulla città. Il 24 settembre l’incontro si è svolto alla Locanda del Dolce Basilico, trattoria brunatese che si presenta come una grande finestra sul panorama comasco. Sfortunatamente l’incontro è stato meno affollato del solito, ma ha mantenuto il suo fascino, accresciuto dalla bellezza del luogo scelto.

_fil2771

Come a ogni incontro, tutti i partecipanti hanno fatto la loro pArte. Sul lato dell’edificio è stata allestita una piccola mostra con i disegni, le tele e i collage di Nuvola Camera, Silvia Salvagnin, Luca Gandola e Michelangelo Mioni.

_fil2783

http://www.dominionilibri.it/public/img_prodotti/bodero---lago-mare.jpgCome sempre, durante il reading tutti i partecipanti hanno potuto esprimere parte di sé, attraverso le proprie parole o quelle di altri. Ospite d’eccezione è stata Ilaria Bodero Maccabeo, scrittrice comasca che ha da poco pubblicato il nono libro, accompagnata dal fedele compagno di viaggio Jamme, un simpatico cane napoletano. Come tutti suoi i lavori, Lago Mare (Alessandro Dominioni Editore) prende ispirazione dagli itinerari percorsi a piedi, una cura per i dolori che la vita le ha procurato. Leggendo diversi brani, Ilaria ha rievocato le sue avventure di camminatrice, di insegnante, di sorella, di zia. Il suo interlocutore è il nipote di undici anni, a cui la scrittrice descrive l’infanzia infelice, il dolore per la perdita di uno dei suoi due compagni di viaggio a quattro zampe, il peso di dover affrontare la malattia della sorella, la fatica di essere insegnante in un istituto professionale in cui non è semplice fare presa sugli studenti. Nonostante i temi non certo sereni, Ilaria ha condito la sua lettura con ottimismo, autoironia, per «frapporre un muro fra sé e ciò che ci fa soffrire», e traduzioni dei mugolii di Jamme, suo collaboratore anche nella scrittura. Le sue parole hanno offerto diversi spunti di riflessione sulla capacità umana di superare esperienze negative, trasformandole in opportunità di crescita.

Come sempre, Allineamenti si rivela luogo di incontri e di libertà espressiva e, senza troppe pretese, riesce a trasmettere emozioni non indifferenti.

(Foto di Filippo Taddei)

Lascia un commento