50 anni senza Gigi Meroni: il ricordo di Dalla Chiesa all’Ostello Bello

0 766

In ricordo di Gigi Meroni. Lunedì 16 ottobre, in occasione del 50° anniversario dalla tragica morte della farfalla granata, Ostello Bello Lake Como Hostel abbraccia un pezzo di storia della città, ricordando il calciatore comasco che ha fatto sognare generazioni di appassionati del pallone grazie alla sua creatività, fantasia, ribellione, bravura sul campo. L’appuntamento è alle 18.30 in via fratelli Rosselli 9: intervengono Maria Meroni, la sorella di Gigi, Nando Dalla Chiesa, autore del libro La farfalla granata, Marco Galli, assessore allo Sport del Comune, Luca Pinotti e Paolo Cattaneo, giornalisti sportivi di Lariosport e Mario Molteni, radio cronista sportivo di CiaoComo Radio. Modera Lorenzo Canali, direttore editoriale di CiaoComo.

Leggende del calcio: Giacinto Facchetti e Gigi Meroni in campo nel gennaio del 1964

Il libro di Dalla Chiesa, pubblicato nel 1995, racconta la storia, meravigliosa e malinconica, di un’icona destinata a durare nel tempo. «Meroni – scrive – è stato nel calcio il maggiore e forse l’unico interprete della domanda di libertà che ha investito l’universo giovanile negli anni Sessanta. Personaggio complesso: calciatore estroso, mite e ribelle, protagonista di un amore difficile e invincibile con una donna sposata, fino alla morte banale avvenuta quando aveva 24 anni. Gigi Meroni è il personaggio intorno al quale viene fatto ruotare lo scenario in movimento di un’intera generazione, con i suoi idoli e le sue culture, anche musicali. È il punto di osservazione che, in un grande amarcord collettivo, consente di abbracciare la generazione che diventa adulta tra il ’62 e il ’67, tra il mito di Marilyn Monroe e Che Guevara».

Dal libro, nel 2013, è stato tratto un film per la tv, prodotto da Rai Fiction, criticatissimo dalla famiglia Meroni, dall’Associazione Gigi Meroni e da molti tifosi del Torino, a causa della sceneggiatura troppo romanzata e di vari errori storici.

Lascia un commento