1967 e 1977: i due magnifici 7 a Milano

0 423

Enzo Gentile

L’estate dell’amore, Sgt. Pepper, il Festival di Monterey, la psichedelia dei Pink Floyd, l’esordio dei Doors, dei Velvet Underground sono solo alcuni dei fatti musicali importanti del 1967. Ma il 1977 non fu da meno, con l’esplosione del punk e il dilagare della disco music, senza contare quello che, contemporaneamente, accadeva in Italia, in entrambi i decenni. Da questi presupposti nasce I magnifici 7: 1967 / 1977 – L’incanto della musica, venti appuntamenti, oltre cinquanta artisti, una mostra, happening, concerti, performance, parole, immagini e confronti a Milano, nel foyer del Teatro degli Arcimboldi di viale dell’Innovazione 20 sotto la direzione artistica di un esperto come Enzo Gentile. «Come termine di riferimento e di riflessione, nella rassegna sono stati individuati due anni, il 1967 e il 1977, che hanno fatto da trampolino, da specchio, da volano per molti movimenti culturali e artistici giunti fino a noi: in un flusso emozionale che va dalla Summer of love all’esplosione del punk, dalla psichedelia alle protest songs di ribellione e denuncia, dal suono e dagli slogan di una generazione fino al segno grafico che già dal manifesto ci indica la direzione, abbiamo pensato a set di musica e conversazioni, dove discutere, ascoltare, presentare nuovi lavori e passare in rassegna antiche memorie. Il tutto con l’ausilio e l’insostituibile concorso di amici e testimoni che il grande pubblico ben conosce».

Decibel, dal 1977 al 2017: Enrico Ruggeri tra Silvio Capeccia e Fulvio Muzio

Martedì 6 giugno una festa di inaugurazione con ospiti del calibro di Fabio Concato, Eugenio Finardi (nella foto in alto), che sta festeggiando i quarant’anni di Musica ribelle, ed Enrico Ruggeri, che ha ritrovato i Decibel di recente, e una doppia performance pianistica di Carlo Cialdo Capelli e poi di Gaetano Liguori che sonorizzerà in diretta Que viva Mexico, capolavoro di Sergej M. Ejzenstejn. Inoltre un ricordo di Stefano Rosso, da parte di un suo stretto collaboratore, Andrea Tarquini: l’autore di Una storia disonesta è un artista – simbolo di un’epoca che vide nel ‘77 l’anno centrale. Ecco i prossimi appuntamenti.

7 giugno Alberto Fortis e Omar Pedrini
8 giugno Vincenzo Zitello
13 giugno Roberto Cacciapaglia
14 giugno Conciorto con Gianluigi Carlone e Biagio Bagini
15 giugno Patrizia Di Malta Quartet
19 giugno Folco Orselli, Ginger Bender e Vincenzo Costantino Cinaski
20 giugno Ivan Cattaneo
21 giugno Massimo Priviero
27 giugno Livia Grossi e Alessio Lega
28 giugno Franco Mussida
29 giugno Mauro Ermanno Giovanardi con Lele Battista, Martinelli e Gianluca De Rubertis
3 luglio Dente
4 luglio Marco Pesatori e Rosarita Crisafi
5 luglio Francesco Baccini
6 luglio Emanuele Fasano, Rolando Giambelli e Processo a Sgt. Pepper
10 luglio Paolo Bonfanti, Laura Fedele, Ezio Guaitamacchi e Brunella Boschetti
11 luglio Alessandra Mostacci e Giangilberto Monti
12 luglio Cesare Picco
13 luglio Woody Gipsy Band

Per informazioni e per il programma completo: www.ipomeriggi.it.

Lascia un commento