Yo – Yo Ma, un violoncello sulla Via della seta

yo-yo-ma-un-violoncello-sulla-via-della-seta
0 1124

Era lunga più di ottomila chilometri, la cosiddetta Via della seta, quell’intreccio di strade, fiume e mari che, dai tempi antichi, collegava l’impero cinese all’Occidente. E la seta era la merce più pregiata, quella più desiderata: il prezioso tessuto attraversava questo lungo cammino per giungere in Europa e, con il passare dei secoli, quella via di scambi commerciali è divenuta un simbolo di multiculturalità. Musicalmente ha affascinato il compositore giapponese Kitarō che le ha dedicato la suggestiva suite Silk road. Uno dei preziosi libri musicali di Jordi Savall, il grande musicista e musicologo catalano, è dedicato alla Rotta d’Oriente percorsa dal missionario Francesco Saverio nel Cinquecento. Nel 2000 Yo – Yo Ma, lo straordinario violoncellista di origine cinese, ha radunato cinquanta musicisti provenienti dai territori attraversati dalla Via per dare vita al Silk Road Ensemble. Ha chiamato un maestro del documentario, il Premio Oscar Morgan Neville, per raccontare questa straordinaria esperienza artistica e umana. Il lungometraggio sarà proietettato lunedì 13 marzo al Teatro Sociale di Como nell’ambito della sezione Il cinema va a teatro della rassegna I lunedì del cinema in collaborazione con Comin’ jazz.

Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta (Usa, 2015, 96 minuti) di Morgan Neville con Yo-Yo Ma, Kinan Azmeh, Kayhan Kalhor, Cristina Pato e Wu Man
Il potere universale della musica: un percorso che unisce i popoli oltre i limiti geografici, una strada che collega tutti i Paesi del mondo, come una moderna Via della Seta. Il Silk Road Ensemble, il gruppo di musicisti e artisti fondato dal leggendario violoncellista Yo-Yo Ma, nasce proprio per esplorare questo potere che travalica ogni confine. Morgan Neville segue i pellegrinaggi di alcuni di questi artisti dando vita a un’intensa cronaca personale di talento e passione. Biglietti a 7 euro.

Lascia un commento