Senza tetto né legge al Lake Como film festival

senza-tetto-ne-legge-al-lake-como-film-festival
0 493

Un classico del cinema francese torna sul grande schermo stasera grazie al Lake Como film festival. È Sans toit ni lois, ovvero Senza tetto né legge di Agnès Varda, meritevole del Leone d’Oro alla Mostra del cinema di Venezia nel 1985, in proiezione venerdì 14 luglio alle 21.13 a Villa Sucota. Il film comincia dalla fine, dal corpo di una donna, ritrovato senza vita nei campi, alle prime luci dell’alba di una fredda giornata invernale. Il viaggio a ritroso della Varda racconta la storia di Mona, una vagabonda che vive per strada, nella campagna francese, cercando di evitare la polizia. Nei suoi incontri occasionali, finirà per conoscere un clandestino che lavora come bracciante, una coppia di pastori di capre, uno strano professore. Qualcuno cerca di aiutarla, ma finisce per scontrarsi con la sua rabbia di vivere. Qualcun altro cerca di approfittarsi di lei e della sua ingenuità. La sua è una vita ribelle, insofferente ad ogni regola ed imposizione sociale e civile. Mona ha reciso ogni legame ed ha scelto di vivere senza tetto né legge. Il capolavoro di Agnès Varda è il ritratto doloroso e commovente, crudo e vitale, di una donna non riconciliata, disposta a pagare il prezzo più alto per la sua libertà. Il film si inserisce nel percorso Lungo la riva – Il paesaggio nelle arti visive.

Senza tetto né legge (Francia, 1985, 105 minuti) di Agnès Varda con Sandrine Bonnaire, Macha Méril e Stéphane Freiss
In un campo coltivato nel sud della Francia, all’alba di un giorno invernale, un contadino trova il cadavere di una ragazza. La polizia non riesce a identificare la giovane vagabonda e ritiene che questa sia morta per il freddo e gli stenti. Il film della Varda, premiato con il Leone d’oro a Venezia nel 1985, è costruito con una serie di flash-back. Parlano le persone che avevano conosciuto la ragazza prima della sua morte inspiegabile. Dalle testimonianze vien fuori il ritratto doloroso e commovente di una giovane ribelle che aveva scelto di vivere senza tetto né legge. Ingresso libero.

Lascia un commento