La isla minima ai Lunedì del cinema

la-isla-minima-ai-lunedi-del-cinema
0 726

C’è thriller e thriller. C’è il cosiddetto whodunnit (in pratica «chi è stato?»), in cui il detective, la polizia, o anche un cittadino tirato in ballo per caso (un classico nei film di Hitchcock), tutti indagano per trovare il colpevole. Ma ci sono anche lungometraggi che sanno utilizzare una trama gialla per parlare d’altro, per fornire uno specchio della società in cui è ambientata una storia come quella de La isla mínima, opera di Alberto Rodríguez che due anni fa ha fatto incetta di Premi Goya (l’Oscar iberico, ben dieci statuette), in proiezione il 26 settembre alle 21 allo Spazio Gloria di via Varesina 72 per la rassegna I lunedì del cinema allo Spazio Gloria di via Varesina 72. Qui lo scenario è quasi più importante di quello che il film racconta. È quello della Spagna uscita dal lungo predominio del caudillo Francisco Franco, un Paese che cerca di diventare democratico, faticosamente.

La isla mínima (Spagna, 2014, 105 minuti) di Alberto Rodríguez con Javier Gutiérrez, Raúl Arévalo, María Varod, Perico Cervantes e Jesús Ortiz
Profondo Sud della Spagna, 1980. In un piccolo villaggio nei pressi di un labirinto di paludi e risaie opera da qualche anno un serial killer responsabile della scomparsa di alcune adolescenti. Quando due giovani sorelle spariscono durante la festa del paese la madre chiede un’indagine e due detective della omicidi arrivano da Madrid per cercare di risolvere il mistero. Sia Juan che Pedro hanno una vasta esperienza nei casi di sparizioni con possibili omicidi ma differiscono nei metodi e nello stile. Dovranno ben presto fronteggiare ostacoli per i quali non sono preparati. Biglietti a 7 euro.

Lascia un commento