La grande scommessa all’Insubria

la-grande-scommessa-35mm-sotto-il-cielo
0 1039

La grande scommessa di Adam McKay torna sullo schermo mercoledì 17 maggio alle 20.30 nell’Aula magna dell’Università dell’Insubria in via Sant’Abbondio 12 grazie alla rassegna Quando il diritto incontra l’economia, introdotto da un economista (il prorettore dell’ateneo Giuseppe Colangelo) e da un massmediologo (Luca Toselli, cofondatore del Museo del cinema di Torino e firma de “L’Ordine”, già docente all’Insubria). E qual è stata la grande scommessa di questi ultimi anni? Bisogna chiederlo a quelle persone che hanno anticipato l’arrivo della crisi globale e hanno saputo approfittarne, arricchendosi mentre tutto, attorno a loro, andava in rovina. È quello che ha fatto Michael Burry (un Christian Bale che ascolta trash metal anche in ufficio), manager di un fondo speculativo che si accorge dell’imminente collasso del mercato immobiliare statunitense, individua correttamente l’inizio di questo crollo e inizia a scommettere contro un sistema che sembrava così solido da spingere tutte le banche ad accettare l’offerta. Anche i suoi finanziatori nono sono d’accordo e vorrebbero che si ritirasse, ma, come sappiamo, alla fine il mercato è crollato e Burry ha totalizzato un profitto che ha sfiorato il 500 percento. È quello che ha fatto Jared Vennett (Ryan Gosling), impiegato di banca che scopre le teorie di Burry, le verifica e, nel suo piccolo, comprende che non si tratterà soltanto degli immobiliari, ma che è l’intera economia americana che imploderà travolgendo tutto. E Charlie Geller e Jamie Shipley sono due ragazzi che entrano in contatto con Vennett e, a loro volta, iniziano a lavorare per trarre profitto dalla situazione. In questi uomini non c’è (quasi) traccia di avidità: approfittano quasi come forma di rivincita verso un sistema che ha truffato un’intera nazione. Solo il banchiere in pensione Ben Rickert, un Brad Pitt lontano dai ruoli da macho, ricorda che chi si arricchirà lo farà sulla rovina di milioni di famiglie. Troppo complicato? Questo film ha vinto l’Oscar per la sceneggiatura proprio per come riesce a spiegare complessi meccanismi finanziari anche a chi non possiede neppure un’azione e, al contempo, risponde alla grande domanda: «Cosa ne è stato della nostra economia?».

La grande scommessa (Usa, 2015, 130 minuti) di Adam McKay con Brad Pitt, Christian Bale, Ryan Gosling, Steve Carell e Marisa Tomei. Ingresso libero

Lascia un commento