Dal festival una petizione per salvare l’Astra

dal-festival-una-petizione-per-salvare-lastra
0 776

Se n’è parlato fin dalle prime battute di questa dodicesima edizione del festival “Il cinema italiano”, ma ora l’argomento fa dibattere tutto il folto pubblico della manifestazione: l’Astra, storica sala cittadina, cinema parrocchiale, ma tenuto come un gioello al punto che, per tanti anni, è stato il cinema di prima visione per eccellenza a Como, è a rischio chiusura. E Paolo Lipari, curatore della manifestazione, ha voluto lanciare un’iniziativa concreta per la “casa” del festival (che, in passato, aveva già dovuto traslocare, quando l’Astoria chiuse i battenti). Una petizione on line su Avaaz.org, raggiungibile a questo link, è indirizzata direttamente al sindaco, Mario Lucini. Ma cosa si domanda al primo cittadino?

«Ci rivolgiamo a Lei per la salvaguardia del Cinema Astra di Como – si legge – Le chiediamo che sia preservata la destinazione d’uso del Cinema Astra di Como come cinema sala della comunità. Essendo una sala storica, ospitante iniziative socio ‐ culturali frequentate dai comaschi con entusiasmo e passione crescenti, nonché l’unica rimasta in città, il Cinema Astra merita di essere tutelato come bene per la crescita e la stessa sopravvivenza della nostra comunità».

In poche ore si contano le prime trecento adesioni e, naturalmente, l’iniziativa non si esaurirà con il termine del festival, domenica prossima. Significativo che questa petizione sia stata lanciata in concomitanza con la proposta de L’Universale, storia romantica di un cinema fiorentino – realmente esistito – che, nonostante avesse conosciuto grandi successi di botteghino negli Sessanta e Settanta, ha chiuso i battenti nel 1989. Ha poi cambiato destinazione già due volte – spiegava il regista Federico Micali – e, quindi, non è più recuperabile, un destino che qui è toccato al Volta, demolito e che nessuno piùricorda, all’Astoria, trasformato in condominio, al Plinio, ristorante etnico, mentre Cressoni e Politeama attendono mentre anche lo Spazio Gloria sta attuando la sua campagna di sensibilizzazione e ha, a sua volta, indirizzato una richiesta all’amministrazione.

E un’altra iniziativa, che verrà premiata sabato 4 gennaio (alla presenza di Marco Bellocchio) è quella dell’aforisma per il cinema, da inviare alla mail sguardi.como@hotmail.it.

(Immagini di Carlo Pozzoni e Carol Scandella)

Lascia un commento