Australia e India, paesaggi del Lake Como film festival

australia-e-india-paesaggi-del-lake-como-film-festival
0 649

L’Outback australiano e la giungla dell’India sugli schermi del Lake Como film festival giovedì 21 luglio. Il concorso Longscapes prosegue alle 18.30 al Teatro Sociale con Tanna, diretto da Bentley Dean e Martin Butler, due documentaristi che hanno già ottenuto numerosi premi in Oceania. Se filmati come Contact e First footprints, quest’ultimo un’acclamata serie sulla storia dell’Australia, guardavano alla realtà, questo Tanna rappresenta lo sbarco dei due registi nel territorio della fiction, affrontata, però, con un occhio attento, quasi antropologico. L’ambiente è quello tribale in cui due ragazzi, Wawa e Dain – lui è il figlio del capo – si innamorano, ma le ostilità tra i due gruppi rivali si frappongono alla loro relazione. Romeo e Giulietta nel Pacifico meridionale? La giovane viene promessa sposa a un altro uomo, all’interno di una trattativa di pace: i due progettano la fuga, ma al di là della volontà personale, non è in gioco solo un amore, ma anche la sopravvivenza di quella piccola società.

Tanna (Australia, 2015, 104 minuti) di Martin Butler e Bentley Dean con Mungau Dain, Marie Wawa, Marceline Rofit, Charlie Kahla e Albi Nangia (biglietto a 5 euro)


Alle 21.30 Il libro della giungla. No, non il classico disegno animato della Disney e neppure il bel film diretto da Zoltán Korda nel 1942. Quelli si ispiravano ai racconti di Rudyard Kipling mentre questo lungometraggio di recente produzione e diretto dall’attore – regista Jon Favreau (autore, tra l’altro, dei primi due capitoli della saga di Iron Man) guarda proprio all’amatissimo cartoon disneyano. La fabbrica di Topolino, del resto, ha prodotto questo nuovo adattamento alla realtà: è già successo con La carica dei 101, con Maleficent, che è ispirato a La bella addormentata nel bosco, con Alice nel paese delle meraviglie, che è giunto al sequel, con Cenerentola, per cui si è scomodato addirittura Kenneth Branagh. Le vicende di Mowgli sono note. Una curiosità: le voci degli animali sono tutte affidate a grandi attori e, quindi, questa visione in lingua originale sottotitolata permetterà di apprezzare Bill Murray come orso Baloo, Ben Kingsley come pantera Bagheera, Christopher Walken come Re Luigi (in italiano c’è Magalli!) e Scarlett Johansson nei panni insidiosissimi del serpente Kaa.

Il libro della giungla (Usa, 2016, 105 minuti) di Jon Favreau con Idris Elba, Scarlett Johansson, Lupita Nyong’o, Christopher Walken, Ben Kingsley e Bill Murray (biglietti a 8 euro)

Lascia un commento