Sdrive-in: al film cult a due passi dal lago

sdrive-in-al-film-cult-a-due-passi-dal-lago
0 1363

È stata una delle idee cinematografiche più belle e originali dello scorso anno: una serie di lungometraggi entrati nell’immaginario collettivo non (solo) per l’importanza nella storia della settima arte, per la grandezza dei suoi realizzatori e neppure per i buoni incassi al botteghino. La caratteristica principale è un’altra: i cult movie sono sono quelli che si guardano e si riguardano all’infinito, organizzando proiezioni collettive, imparandone a memoria le battute, arrivando a rirecitare, tra amici, intere scene.

Negli Usa hanno i drive-in, dove si guardano i film stando in macchina. Il circolo Arci Xanadù si è inventato lo… Sdrive-in: un cult movie al lunedì sera all’Open Lido di Villa Geno da gustare… sulle sdraio.

Ecco il programma

Lunedì 4 luglio
The Blues brothers (Usa, 1980, 133 minuti) di John Landis con Dan Aykroyd, John Belushi, Kathleen Freeman, James Brown e Henry Gibson
http://www.nostalgie.be/images/la-story/2014/10-octobre/blues-brothers-1980-05-g.jpg
Tre anni dopo essere finito dietro le sbarre, Jake Blues viene liberato per buona condotta. Ad attenderlo fuori dal carcere ci sono il fratello Elwood, una ex fidanzata inferocita, la notizia che l’orfanotrofio dove sono cresciuti sta per essere chiuso e l’illuminazione divina. Convinti di essere in missione per conto di Dio, i Blues brothers riuniscono con le buone e le cattive la vecchia band e organizzano un grande concerto benefico mentre fuggono da polizia, una banda di musicisti, il proprietario di un locale e i nazisti dell’Illinois che li vogliono fare fuori. Prima della proiezione filmati dallo show televisivo Saturday night live con John Belushi e Dan Aykroyd. Al termine della proiezione dj set con Fabio Borghetti.


Lunedì 11 luglio
1997: fuga da New York (Usa, 1981, 99 minuti) di John Carpenter con Kurt Russell, Lee Van Cleef, Donald Pleasence, Isaac Hayes e Ernest Borgnine
https://pmcdeadline2.files.wordpress.com/2015/01/snakep.jpg
New York 1997. Da nove anni un muro invalicabile isola dal resto del mondo Manhattan, terra di nessuno, abbandonata all’anarchia e alla violenza, nella quale vengono confinati a vita i più pericolosi criminali. Vittima di un dirottamento aereo per opera del Fronte di Liberazione d’America, il presidente degli Stati Uniti precipita all’interno della colonia penale e cade ostaggio degli uomini del Duca. Per salvare il presidente, il governo decide di tentare un blitz: infiltrare Snake Plissken, ex eroe di guerra condannato per rapina, promettendogli la libertà se entro 24 ore lo riporterà sano e salvo insieme ad un nastro magnetico contentente importanti segreti di stato. Bob Hauck, responsabile della sicurezza, è comandato di assistere la missione di Snake al quale, per garantirsene la fedeltà, vengono iniettate due minuscole capsule esplosive che lo uccideranno allo scadere di 24 ore. Planato con un aliante nella zona proibita, Plissken inizia la ricerca e con l’aiuto di Cabbie il tassista e di Maggie, una ragazza di una banda rivale a quella del Duca, riesce tra mille difficoltà a liberare il presidente.


Lunedì 18 luglio
Trainspotting (Gran Bretagna, 1996, 115 minuti) di Danny Boyle con Ewan McGregor, Robert Carlyle, Ewen Bremner, Kelly MacDonald e Jonny Lee Miller
http://images.movieplayer.it/images/2015/09/28/trainspotting1.jpg
Ventenne di Edimburgo, Mark Renton ha scelto per sé «un’onesta e sincera tossicodipendenza» in modo da non doversi preoccupare del sesso, del lavoro o dei rapporti sociali. Ha degli amici o meglio dei compari con cui rubacchiare, parlare a vuoto, bere birra e bucarsi le vene: sono Sick Boy, tutto provocazioni e capelli ossigenati, Begbie, imprevedibilmente violento e alcolizzato, Tommy, che cerca di star fuori dal giro dell’eroina, e Spud, forse l’unico di cui può fidarsi. Tra tentativi di disintossicazione, ricadute e un inatteso colpo che può cambiare la vita a tutti, Mark forse entrerà a far parte dell’odiata, ma rispettabile società.


Lunedì 25 luglio
Lo squalo (Usa, 1975, 125 minuti) di Steven Spielberg con Robert Shaw, Roy Scheider e Richard Dreyfuss
http://www.indiewire.com/wp-content/uploads/2013/04/Jaws-05112012.jpeg
Da un romanzo di P. Benchley. Uno squalo semina il panico sulle spiagge di una cittadina americana dove ha divorato due bagnanti. Uno scienziato, un pescatore, lo sceriffo locale si impegnano a fondo per eliminare il mostro.


Lunedì 1 agosto
Frankenstein junior (Usa, 1974, 106 minuti) di Mel Brooks con Gene Wilder, Peter Boyle, Marty Feldman, Teri Garr e Madeleine Kahn
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/eml/0/0b/Frankenstein_junior.png
Il dottor Frankenstein, nipote del celeberrimo medico, è un affermato neurochirurgo che vive e insegna in una università negli Stati Uniti ed è impegnato a far dimenticare la sua discendenza dal creatore della Cosa. Un giorno però riceve l’invito a recarsi nel castello del nonno in Transilvania a causa di un lascito testamentario. Finisce così per essere attratto dall’atmosfera del luogo, scopre il polveroso laboratorio in cui venne portato a termine l’esperimento e decide di tentare a sua volta l’impresa trafugando un cadavere per restituirgli la vita.


Blade runner (Usa, 1982, 118 minuti) di Ridley Scott con Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Young e Daryl Hannah

http://cdn.tempi.it/wp-content/uploads/2015/05/blade-runner-01.jpg?4bcd91
In una Los Angeles piovosa e sovrappopolata, il poliziotto Deckard viene richiamato in servizio. La sua specialità è l’eliminazione di esemplari insubordinati di replicanti, androidi destinati al lavoro nelle colonie spaziali. Quattro di loro, Roy Batty, Leon, Zora e Pris, hanno raggiunto la Terra per tentare di infiltrarsi nelle industrie che li fabbricano. I replicanti sono identici agli esseri umani, tranne che per la durata limitata della loro esistenza e per l’apparente incapacità di provare sentimenti. In un futuro high-tech avvelenato dal degrado sociale, Deckard dà la caccia ai replicanti in fuga e viene attratto da una donna misteriosa i cui segreti potrebbero metterne a repentaglio l’anima.


Biglietti a 7 euro ridotti a 6 euro per i tesserati Arci.

Lascia un commento