America oggi ai Lunedì del cinema

america-oggi-ai-lunedi-del-cinema
0 774

Prosegue l’autentica “rassegna nella rassegna” ai Lunedì del cinema. Lunedì 6 febbraio alle 21 allo Spazio Gloria un altro film tratto dai 25 anni di storia della rassegna e selezionato dagli spettatori. La scelta è caduta su America oggi di Robert Altman. Un film particolare per un regista altrettanto peculiare. Questo lungometraggio è la testimonianza (anche) della ritrovata vena artistica di un regista indipendente e per nulla incline a piegarsi alla volontà di Hollywood.

Negli anni Settanta Altman è stato autore di alcuni dei più importanti film del decennio – M*A*S*H, I compari, Gang, Nashville – ma anche ritenuto responsabile di due flop clamorosi, il sottovalutato Quintet e Popeye, coloratissimo e sgangherato musical dedicato a Braccio di Ferro, assolutamente da recuperare. Per tutto il decennio successivo il cineasta si dovette accontentare di budget risicati, produzioni minori, restando ai margini della cinematografia (nonostante non manchino, in quel periodo, prove maiuscole come Jimmy Dean, Jimmy Dean). La rinascita con I protagonisti, un grande e meritato successo di pubblico e di critica all’inizio degli anni Novanta. America oggi, vincitore del Leone d’0ro alla 50ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, provò definitivamente che Altman era tornato a occupare un ruolo di rilievo. Tratto da nove racconti e una poesia di Robert Carver, il lungometraggio schierava un impressionante cast corale (un segno distintivo per l’autore, da M*A*S*H in poi) dove spicca un gran numero di musicisti (Tom Waits, Lyle Lovett, Huey Lewis, la grande vocalist jazz Annie Ross), una vecchia gloria come Jack Lemmon e una parata di stelle ai primi successi: tra gli altri Andie MacDowell, Julianne Moore, Matthew Modine, Tim Robbins, Jennifer Jason Leigh, Chris Penn, Robert Downey Jr., Lily Tomlin e Frances McDormand.

America oggi (Usa, 1993, 187 minuti) di Robert Altman
Nove racconti si intrecciano nel quotidiano di Los Angeles, spaccato non troppo edificante e piuttosto impietoso della società americana. Una casalinga tradita dal marito poliziotto, un’artista che ammette il suo adulterio di tanti anni prima, un padre che si rifà vivo dopo tanti anni solo per assistere alla morte del nipotino, una cameriera alle prese con un marito alcolista, una cantante di jazz e la figlia violoncellista con tendenze suicide, un’operatrice di telefono erotico e il marito represso, un ex marito pazzo di gelosia che distrugge la casa dell’ex moglie, un’allucinante compagine di pescatori, il cadavere nudo di una ragazza in un lago… Biglietti a 7 euro.

Lascia un commento