Alabama Monroe, amore country al Carroponte

alabama-monroe-amore-country-al-carroponte
0 379

Alabama Monroe sullo schermo del Carroponte di Sesto San Giovanni domenica 27 agosto. Un lungometraggio che ha fatto discutere, questo firmato da Felix Van Groeningen: i due protagonisti, Elise e Didier, sono due giovani intrisi di cultura pop americana fino al midollo. Lei sembra uscita dalle raccolte di pin up degli anni Cinquanta e ha il corpo ricoperto da tatuaggi che raccontano la sua storia, in cui i nomi di nuovi uomini sostituiscono quelli che ha amato in passato. Lui è un banjoista in una bluegrass band, dedita a un country rurale, torrido e intenso, ma non esattamente la classica musica che impazza… nelle Fiandre. È una storia ambientata a Ghent, in in Belgio, e non in una sperduta (e per il cinema, assolutamente classica) città nel deserto centroamericano. Ed è proprio la diversità dei due, che vivendo entrambi il mito e la musica americana, che subito s’innamorano, a unirli contro tutto e contro tutti in una società conformista e bacchettona. E per due come loro, ormai convinti che non avrebbero mai trovato la vera anima gemella, l’impegno è profondo, al punto di avere anche una figlia, Maybelle (il nome è un omaggio a Chuck Berry), ma anche il grande amore, quello che sembra indistruttibile e resistente a ogni avversità, può finire all’improvviso. Film pluripremiato sia in Europa che negli Stati Usa, Alabama Monroe è stato il principale rivale de La grande bellezza agli Oscar.

Alabama Monroe – Una storia d’amore (Belgio, 2012, 100 minuti) di Felix Van Groeningen con Veerle Baetens, Johan Heldenbergh, Nell Cattrysse, Geert Van Rampelberg e Nils De Caster
Elise è una tatuatrice che ha inciso sul corpo la propria storia, cancellando via via i nomi degli uomini che ha amato per coprirli con nuovi tatuaggi. Didier è un cantante di musica bluegrass che suona il banjo in un gruppetto belga innamorato del mito dell’America rurale. Quando si incontrano, è amore a prima vista e il riconoscersi reciproco di due outsider nel Belgio conformista e ordinato. A unirli indissolubilmente, oltre all’attrazione profonda, è l’amore per la musica. E per la prima volta nella loro vita Elise e Didier, che si credevano destinati alla precarietà dei sentimenti, decidono di impegnarsi fino in fondo, mettendo al mondo la figlia Maybelle. Ma anche il più eterno dei vincoli può essere reversibile, e i due innamorati lo scopriranno a proprie spese. Ingresso libero.

Lascia un commento