Agnus Dei per i Lunedì del cinema

agnus-dei-per-il-cinema-di-qualita
0 1821

È Les innocentes, le innocenti, il titolo originale di Agnus Dei, ultima opera cinematografica della regista francese Anne Fontaine che si ispira a una vicenda realmente accaduta verso la fine della Seconda guerra mondiale. Una storia, per tanti anni, da non raccontare quella delle suore di un convento polacco, violentate dai soldati dell’esercito russo come premio per i loro sforzi bellici. La testimonianza arriva dal diario del medico che ha assistito le religiose, ferite, traumatizzate, alcune di loro incinte, tante non erano sopravvissute. «Quando ho scoperto questa vicenda sono rimasta sconvolta – ha raccontato la cineasta nella conferenza stampa di presentazione del lungometraggio – Sono vicende accadute realmente, ma il diario della dottoressa era lacunoso e soprattutto scientifico, quindi abbiamo dovuto ricostruire in parte i fatti. Ho incontrato suore violentate dai soldati russi e credo di essere rimasta toccata anche a livello inconscio perché due mie zie erano religiose e mio padre suonava l’organo in chiesa». Il film viene proposto dalla rassegna I lunedì del cinema il 10 aprile alle 21 allo Spazio Gloria di via Varesina 72.

Agnus Dei (Francia / Polonia, 2016, 115 minuti) di Anne Fontaine con Lou de Laâge, Agata Buzek, Agata Kulesza, Vincent Macaigne e Joanna Kulig
Polonia, anno 1945. Mathilde Beaulieu è una giovane dottoressa francese della Croce Rossa. Quando una suora polacca, cerca il suo aiuto, Mathilde la segue nel convento di benedettine, dove scopre che molte di loro, violentate dai soldati russi nel corso di una violenta irruzione, sono rimaste incinte e sono sul punto di partorire. Tenuta al segreto professionale, cui si aggiunge quello imposto dalla madre superiora e dalla situazione, Mathilde fa visita al convento di notte, esponendosi a non pochi rischi, e supera gradualmente la paura e la diffidenza delle monache, arrivando a stabilire con una di loro, Suor Maria, uno scambio profondo. Biglietti a 7 euro.

Lascia un commento